Base scout Don Alessandro Barbagli (Santa Maria del Bagno)

La Casa Scout Santa Maria del Bagno, dedicata all’Assistente Ecclesiastico “Don Alessandro Barbagli”. È un complesso storico, costituito da una Chiesa del 500, una canonica ed ampi terreni circostanti.

Affidata dalla Curia Vescovile della Diocesi di Arezzo, Cortona e Sansepolcro, agli scouts dagli anni 70, è stata ristrutturata con sacrificio e molta dedizione per destinarla alle attività formative e ricreative di adulti e ragazzi.

Il Santuario Mariano accoglie da anni bambini, giovani ed adulti provenienti da tutta Italia: scouts, gruppi parrocchiali ed associazioni, qui trovano il luogo ideale per coniugare la vita a contatto con la natura con la spiritualità Mariana, la preghiera e la formazione.

La semplicità e l’essenzialità della struttura permettono di vivere appieno le attività educative proposte e di trovare un ambiente ideale per vivere esperienze di comunità.

Gli ambienti e gli spazi aperti sono stati organizzati, per quanto possibile, per accogliere gli ospiti sia in accantonamento che in campeggio, offrendo aree per la logistica, i servizi ed ambienti per la convivenza.

La vicinanza di luoghi particolarmente significativi dal punto di vista religioso e culturale; quali tra gli altri il Santuario Francescano de La Verna ed il Monastero Benedettino di Camaldoli, fanno della Casa Scout una meta ideale per un possibile “itinerario spirituale” denso di riferimenti importanti e di alto livello.

Il rispetto e la cura dei luoghi e degli ambienti sono l’unica condizione richiesta a tutti coloro che scelgono di venire a trascorrere un’esperienza unica ed indimenticabile.

Sarete i benvenuti.

 

Le origini del Santuario risalgono al 1588 anno in cui la tradizione fa risalire l’apparizione della Madonna ad una pastorella. Il primo edificio fù costruito dalla popolazione di Salutio (S. Eluterio) con la collaborazione della famiglia Tieri. Nel 1768, dato che la Chiesa di S. Bartolomeo della Nassa minaciava la rovina, assunse il titolo di Pieve al suo posto. Per anni il tempio ha rappresentato un punto d’incontro per le popolazioni del Casentino e del Pratomagno attirate sul posto dall’acqua della “sorgente miracolosa” (probabile è un remotissimo culto pagano dell’acqua). Si ha ancora ricordo della festa annuale durante la quale fra le devozioni offertoriali si portava in Chiesa una focaccia tipica della zona per essere benedetta, spartita e consumata insieme all’acqua della sorgente da tutti i membri della famiglia.

Nel 1973 la Diocesi di Arezzo Cortona e Sansepolcro consegnò il complesso del santuario al Gruppo Scout Arezzo 1 (oggi Arezzo 14) che ne iniziò il restauro. Ciò grazie all’intuizione dell’Assistente Ecclesastico di allora Don Onorio Barbagli che intravide in quelle strutture, ormai ridotte a rovine, la possibilità di realizzare un centro di aggregazione per i giovani. Purtroppo non riuscì a vedere i frutti della sua grande lungimiranza e, dopo la sua morte, un altro giovane Assistente Scout Don Alessandro Barbagli (omonimo ma non consanguineo),assunse l’impegno a proseguire la ricostruzione della Pieve e del vecchio Convento adiacente; convincendo i capi (educatori) del gruppo a “buttarsi in questa avventura”.
Giovani scouts hanno trascorso fine settimana e campi interamante dedicati al lavoro di ristrutturazione del complesso; con pochi mezzi e scarsi fondi economici. Oltre ad aver rimosso l’enorme mole di macerie, nell’arco degli anni sono stati rifatti il tetto, tutti i pavimenti, le intonacature delle stanze, l’impianto elettrico ed idrico, messo a norma la cucina, i servizi igienici ai piani e tante altre rifiniture.
Grazie al contributo di Enti, Banche e con il supporto della Soprintendenza per i Beni Architettonici ed Artistici della Provincia di Arezzo, alcuni lavori di grossa entità sono potuti essere affidati ad aziende specializzate.
Nell’inverno 2003 è stato installato il riscaldamento in alcune stanze in modo tale da poter sfruttare gli ambienti anche durante il periodo invernale.

Quindi l’entusiasmo dei ragazzi di allora (oggi ormai adulti); dei “vecchi” Capi (che utilizzarono anche il lavoro come strumento educativo e come momento di aggregazione e crescita); l’impegno di tutti gli scouts del gruppo Arezzo 1 che sono seguiti nel tempo, hanno fatto si che la struttura di S. Maria del Bagno, si presentasse oggi come un ambiente rinnovato, risorto a nuova vita sia all’interno che negli spazi esterni attrezzati per il campeggio. Oggi il Comitato dei Genitori del gruppo scout continua l’opera di manutenzione e perfezionamento dei servizi. Parrocchia e Proloco del paese di Salutio collaborano e contribuiscono a promuovere e valorizzare questo patrimonio culturale presente nel territorio.
Ma ancora molto rimane da fare per migliorare la funzionalità della struttura e per il suo mantenimento. Notevoli sono stati e sono tuttora gli investimenti economici e di lavoro manuale richiesti.
Solo lo spirito che gli ideatori ci hanno tramandato e la dedizione a Maria fanno andare avanti i responsabili della struttura; certi che i ragazzi ed i giovani che soggiornano qui possano tornare a casa arricchiti e maturati nell’animo e nello spirito.

Dettagli

Area

Centro

Regione

Toscana

Provincia

AR - Arezzo

Comune e località

Castel Focognano

Associazione - Gruppo - Ente gestore:

Agesci Arezzo 14

Email ufficiale della base o email privata ma pubblicabile sul web

frafrafra50@hotmail.com

Numero di telefono fisso della base

0575591256

Sito web

Recapito telefonico per informazioni e prenotazioni

3494404723

La base può ospitare campi estivi?

La base è indicata per campi...

L/C, E/G, R/S, Campi di gruppo

Possibilità di svolgere attività e campi di servizio

Si, sia per la base sia extrassociativi al di fuori

Estensione della base - metri quadri di terreno

140000 mq

Estensione della base - numero di immobili presenti

1

Posti in accampamento

fra 30 e 50

Posti in accantonamento

fra 30 e 50

Altitudine

450 m

Informazioni territoriali

Collina

Elementi naturali presenti o vicini alla base

Bosco idoneo ad ospitare costruzioni e angoli di squadriglia, Prati per attività, Possibilità di brevi escursioni (max 3 ore), Possibilità di escursioni anche lunghe ed impegnative (più di 3 ore)

La base è accessibile

Con camion/furgoni o mezzi più piccoli, ma non con pullman per trasporto ragazzi

Distanza dal più vicino paese con negozio di alimentari

3

Distanza dal più vicino pronto soccorso

18

Distanza dalla più vicina chiesa dove viene celebrata la S. Messa nelle festività

30

Accessibilità con i mezzi pubblici

Accessibile con mezzi pubblici più cammino (superiore a 30 minuti)

Accoglienza disabili

Scarsa

Accessibilità invernale

Sempre accessibile

Copertura cellulare

Scarsa

Servizi e infrastrutture presenti al campo e negli immobili

Corrente elettrica, Servizi igienici da campo, Servizi igienici in muratura, Riscaldamento a legna, Cucina attrezzata, Acqua potabile (per tale si intende l'acqua potabile ai sensi della normativa vigente), Punti fuoco, Docce